Carlo Varesi

piace a 19 persone
Carlo Varesi nasce a Milano il 19 marzo 1962. E, forse, nasce artista. Infatti, sin da piccolo, cerca in tutte le cose l’espressione estetica da poter fermare in un disegno, una foto, una frase.   E’ attirato dall’arte e dalla psicologia e comincia ad approfondire queste che diventano sue passioni.   Si mette a studiare le lingue straniere con l’intenzione di viaggiare ma le vicissitudini della vita gli dicono che deve andare a lavorare. Ed allora si impiega in un ufficio e scopre un mondo sino ad allora sconosciuto.   Gli anni passano ed il carattere di Carlo si tempra e diventa riflessivo, introspettivo ed osservatore.   Milano non gli piace più e si trasferisce nella tranquillità della provincia di Como, dove può approfondire le sue riflessioni, le sue ricerche.   Ed un giorno gli viene un’idea: perché non far diventare la vita d’ufficio arte? Nasce così la OFFICE ART. Ogni opera della Office Art ferma un momento della vita di ufficio. E lo fa con gli oggetti che si usano in ufficio, disposti su tavole di legno.   Ed i colori degli evidenziatori, il lucido del metallo delle graffette, il monocromo dei cartoncini, gli elastici, le puntine e le pinzatrici danno vita al legno, al caldo del legno, e scrivono le mille situazioni che si vivono negli uffici.   Gli evidenziatori e le biro, le graffette e gli elastici, perdono la loro identità e assumono quella di menestrelli che vogliono raccontare la vita di ufficio.   E così le opere della Office Art sono delle note che compongono su uno spartito infinito una melodia che canta la vita lavorativa di persone, siano impiegati o dirigenti, che per vivere devono passare la loro giornata in ufficio.   E poi, a volte, intervengono i colori a rafforzare il suono delle opere. E tutti questi maestri d’orchestra, sapientemente diretti, creano la sinfonia della Office Art che canta il mondo sterminato di ciò che succede negli uffici.  
contatto personale: www.laofficeart.com

Opere di Carlo Varesi

  • Materiale di ufficio su tavola di legno
    20x10cm
    2015
  • Materiale di ufficio su tavola di legno
    40x70cm
    2016
  • Materiale di ufficio su tavola di legno
    50x50cm
    2015
  • Materiale di ufficio su tavola di legno
    20x10cm
    2015
  • Materiale di ufficio su tavola di legno
    50x50cm
    2016
  • Materiale di ufficio su tavola di legno
    50x50cm
    2015
  • Materiale di ufficio su tavola di legno
    10x15cm
    2014
  • Materiale di ufficio su tavola di legno
    40x70cm
    2016
  • Intervista video

  • Mostre di Carlo Varesi

    Informazione non disponibile, i dati verranno caricati a breve.
  • Testi Critici su Carlo Varesi

     
    La Office Art vuole essere la rappresentazione di quella che è la realtà di molti, ovvero la vita di ufficio.
     
    Tante persone, per vivere, conducono gran parte della loro vita in un ufficio e questo, spesso, condiziona ineluttabilmente tutta la loro esistenza.
     
    Quindi la Office Art è una forma d’arte che è fatta dagli oggetti che si usano negli uffici e dalle situazioni che vivono le persone che frequentato gli uffici.
     
    I protagonisti della Office Art sono gli oggetti che si usano negli uffici e le situazioni che si creano negli uffici e ispirate dalla vita di ufficio. E di conseguenza diventano protagonisti gli essere umani, ma solo in un secondo momento in quanto sono loro che frequentano gli uffici e vivono le situazioni.
     
    Quindi l’Office Art vuole elevare ad opera d’arte gli oggetti che si usano negli uffici e la vita che si svolge negli uffici.
     
    E, come detto prima, la vita di ufficio può avere un’appendice nella vita privata di molti, continuando ed assorbendo anche tutta l’esistenza degli individui.
     
    Ed è così che tutto quanto si usa in un ufficio può diventare opera d’arte.
     
    Elastici, graffette, biro, fogli di carta, cartellette di plastica possono riempire la tela e, sapientemente utilizzati dall’artista, diventare quadri.
     
    E poi c’è la rappresentazione delle situazioni che possono essere la pausa pranzo, la falsità dei colleghi, l’arrivismo dei capi. E questo può essere raccontato attraverso l’arte.
     
    La vita d’ufficio è un mondo sterminato che vuole solo essere raccontato.
     
    Ed io ho pensato di trasformarlo in arte.