Renzo Vespignani

Lorenzo Vespignani nasce a Roma il 19 febbraio 1924. Orfano di padre, si rasferisce con la madre nella zona proletaria di Portonaccio urante il periodo di occupazione nazista della Capitale, alla macchia come tanti suoi coetanei, cominciò a disegnare, cercando di rappresentare la realtà crudele, sporca e patetica attorno a lui: lo squallore del paesaggio urbano di periferia le rovine e le macerie causate dai bombardamenti, il dramma degli emargnati e la povertà del quotidiano. La sua arte non si limitò alla sola esperienza pittorica, fu illustratore di moltissimi capolavori. Nel 1956 fonda, con altri intellettuali, la rivista Città Aperta, incentrata sui problemi della cultura urbana. Strettissimo il suo rapporto con la letteratura. Vespignani illustra il Decameron di Boccaccio e le poesie e prose del Leopardi. Nel 1999 viene eletto Presidente dell' Accademia Nazionale di San Luca e nominato Grand'Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana. Muore a Roma il 26 aprile 2001.  

Opere di Renzo Vespignani

  • venduta
    olio su tela
    70x100cm
    1963
    Rivalutazione dell'artista: --36%
  • inchiostro su carta applicata su tela
    99x69cm
    1963
    Rivalutazione dell'artista: --36%
  • incisione
    70x50cm
    1982
    Rivalutazione dell'artista: --36%
  • incisione
    50x70cm
    1982
    Rivalutazione dell'artista: --36%