Anish Kapoor

Anish Kapoor è nato a Bombay il 12 marzo 1954. Scultore e architetto indiano, è uno degli artisti più significativi nel panorama dell'arte contemporanea internazionale. Dopo aver studiato due anni in Israele negli anni '70 si trasferisce a Londra, dove tuttora vive e lavora. Si appassiona alle macchine celibi di Marcel Duchamp e conosce colui che diverrà il suo maestro, Paul Neàgu. Nel 1979 riscopre il suo essere indiano recandosi nel suo paese d’origine prendendo coscienza della cultura orientale e quella occidentale. I lavori di Kapoor sono stati esposti in tutto il mondo sia in musei che in gallerie private, tra i quali la Tate Modern di Londra, il Museum of Modern Art di New York, il Reina Sofia di Madrid e lo Stedlijk Museum di Amsterdam. Nel 1990 prende parte alla XLIV Biennale di Venezia dove gli conferiscono il "Premio Duemila" (ottenuto anche nel 1992). L'anno seguente consegue il "Turner Prize" e nel 1992 partecipa a Documenta IX con la costruzione Descent into Limbo. Nello stesso anno l'Expo di Siviglia gli commissiona l’opera architettonica Building for Void. Nel 2003 espone al Museo Archeologico di Napoli. Kapoor si propone di “arrivare a degli oggetti che non assomigliano a nient’altro [...] creare cose che sembrino emanare da un mondo a parte e che attraverso la loro particolare stranezza suggeriscano nuovi modi di vedere”. Ottiene varie commissioni, sia pubbliche che private. Utilizza diversi materiali: dal marmo di Carrara, al granito, all’ardesia, all’arenaria. Si cimenta con le superfici riflettenti, creando specchi deformanti o che addirittura annullano l'immagine stessa.  

Opere di Anish Kapoor

  • venduta
    acciaio inox
    x120cm
    2008
    Rivalutazione dell'artista: +20%
  • venduta
    perspex
    73x73cm
    2010
    Rivalutazione dell'artista: +20%