Giulio Greco

Giulio Greco è nato nel 1949 a Caselle in Pittari (Salerno). Si diploma all’Istituto d'Arte di Salerno e alla fine degli anni Sessanta, studia all’Accademia delle Belle Arti di Firenze seguendo i corsi di Afro e di Vinicio Berti. Iniziano così le sue prime ricerche artistiche fra l’Informale e l’Astrattismo fiorentino. Dal 1970 al 1974 collabora attivamente con il Gruppo Sperimentale di Ricerca Estetica “La Piramide” di Firenze dove incontra Carmelo Genovese. Da questi anni inizia il suo interesse per la ricerca antropologica e mitica della sua terra d’origine, il Cilento deve si trasferisce dal 1983 al 1988. Qui si dedica alla sperimentazione di nuove tecniche pittoriche e di materiali “poveri” quali la juta, il cuoio, il legno e la pietra.  Questi anni, densi di espressività e di ricerche materiche, influenzeranno in maniera decisiva la sua attività. Nel 1993 Flaminio Gualdoni ha scritto su Greco: «È un percorso, il suo, che nasce da un intendimento primigenio della pratica pittorica, del fare come processo impregnato d’un senso oscuramente magico e rituale. Le sue antiche immagini, concussioni dello strato segreto del mondo attraverso le sue forme materiali, dichiaravano un’attitudine antropologica, addirittura, una sorta di sapienzialità sorgiva».

Indici Economici

MERCATO: storico

CRITICA: unanime

QUOTAZIONI: bassa (< 5.000)

PRODUZIONE: bassa