Hermann Nitsch

Hermann Nitsch (Vienna, 29 agosto 1938). Autori e artisti come il Marchese de Sade, Friedrich Nietzsche, Sigmund Freud e Antonin Artaud sono stati enorme fonte di ispirazione per l'opera di Nitsch. Nel suo manifesto l'artista austriaco puntualizza come il suo modo di rapportarsi all'arte debba suscitare nello spettatore ribrezzo e disgusto per poi giungere a una controreazione che porta alla catarsi e alle purificazione. Già pochi anni dopo il diploma come grafico pubblicitario vedono la luce sia i primi approcci alla pittura per poi arrivare al Teatro delle Orge e dei Misteri, opera d’arte che si riferisce, come già suggerisce il nome, alle orge dionisiache dell’antichità e alla tradizione teatrale medievale del Teatro dei misteri. I primi Schüttbilder (opere create gettando colore e sangue sulla tela) risalgono al 1961 e Nitsch partecipa a diverse performance e mostre a Vienna che lo porteranno a tre arresti e querele a non finire. Verso la metà degli anni sessanta, inizia a formare assieme ad altri artisti come Günter Brus, Otto Mühl e Rudolf Schwarzkogler quel movimento che sarebbe stato poi famoso come Azionismo Viennese, esportando questa forma artistica anche in diverse città nordeuropee e negli Stati Uniti. Nel 1968 è costretto a trasferirsi in Germania per allenatare le sue vicende giudiziarie. Si trasferisce nel castello di Prinzendorf che diventerà teatro di tutte le sue performance. Nitsch fonda un ordine e ne redige le regole ne Il leitmotiv mitico del Teatro delle Orge e dei Misteri (Das Mythische des Orgien Mysterien-Theaters), così elencando i referenti mitologici e religiosi: «L'eccesso fondamentale sadomasochistico / L'uccisione dell'animale-totem e la sua consumazione rituale / Il regicidio rituale / L'evirazione di Attis / L'uccisione di Adone / L'uccisione di Orfeo / La castrazione rituale/L'accecamento di Edipo / Lo sbranamento di Dioniso / La crocefissione di Gesù Cristo / L'eucarestia». In Italia è famosa una sua Azione nei dintorni di Napoli.

Opere di Hermann Nitsch

  • venduta
    acrilico su carta
    25,2x21,1cm
    1987
    Il coefficiente di rivalutazione è un indice mutuato da Artprice che si riferisce alla percentuale di aumento dei prezzi medi di un artista calcolato negli ultimi 15 anni.
    Rivalutazione dell'artista: +332%
  • venduta
    tecnica mista su tela
    62x50cm
    1983
    Il coefficiente di rivalutazione è un indice mutuato da Artprice che si riferisce alla percentuale di aumento dei prezzi medi di un artista calcolato negli ultimi 15 anni.
    Rivalutazione dell'artista: +332%
  • asta
    acrilici su tela
    150x200cm
    2017
    LOTTO stima:
    Il coefficiente di rivalutazione è un indice mutuato da Artprice che si riferisce alla percentuale di aumento dei prezzi medi di un artista calcolato negli ultimi 15 anni.
    Rivalutazione dell'artista: +332%
    ULTIMA OFFERTA € 0
  • asta
    tecnica mista su tela
    50x50cm
    2007
    LOTTO stima:
    Il coefficiente di rivalutazione è un indice mutuato da Artprice che si riferisce alla percentuale di aumento dei prezzi medi di un artista calcolato negli ultimi 15 anni.
    Rivalutazione dell'artista: +332%
    ULTIMA OFFERTA € 0
  • venduta
    litografia a colori
    71x101cm
    1991
    Il coefficiente di rivalutazione è un indice mutuato da Artprice che si riferisce alla percentuale di aumento dei prezzi medi di un artista calcolato negli ultimi 15 anni.
    Rivalutazione dell'artista: +332%